OP - Viaggiare nell’Oglio Po
it
en
   |    Gruppo di azione Locale Oglio Po terre d'acqua
cerca

Riserva Naturale Le Bine - Oasi WWF

La palude, tutelata come riserva naturale regionale, ha avuto origine in seguito ad un intervento di rettificazione del corso del fiume Oglio effettuato alla fine del 18º secolo. 
Il meandro formatosi in seguito all'intervento divenne area paludosa, habitat ideale per le specie di flora e fauna della zona.  L'area si compone di un ramo abbandonato del corso centrale ed è alimentata da alcune risorgive sotterranee, oltre ad avere un collegamento diretto con il fiume. Il nome dell'area prende spunto dalla caratteristica cascina che in lombardo viene chiamata "bina" cioè "riparo, palafitta e chiusa". La palude si estende a forma di ferro di cavallo ed è costituita da un vasto canneto attraversato da un canale che si allarga in alcuni punti fino a formare ampi slarghi molto frequentati dagli uccelli acquatici. La fauna è costituita da esemplari di uccelli e pesci tipici di  queste zone. Vanno annoverari il luccio, la carpa, la tinca, l'alborella, il cobite comune, il pesce gatto e il persico sole. Per quanto riguarda gli uccelli, soprattutto nella stagione fredda sia hanno anatre, limicoli, aironi, rapaci, passeriformi. Fra i mammiferi si hanno alcuni esemplari di tasso. La flora, oltre al cannetto presente nella palude è presente nel bosco igrofilo con ontani neri, salici bianchi, olmi e farnie.

           
Località
Calvatone



    Comuni