OP - Viaggiare nell’Oglio Po
it
en
   |    Gruppo di azione Locale Oglio Po terre d'acqua
cerca

Percorso Parco Oglio Sud

Seguendo i meandri del Fiume Oglio che scorre lento verso la confluenza in Po, si attraversano lembi di zone umide ricchi di vegetazione e fauna acquatica, inserite all’interno del Parco Oglio Sud. Partendo da Fontanella, nel comune di Casalromano, sede del famoso il santuario della Malongola, si attraversano le “Lanche di Runate e Gerre Gavazzi” per raggiungere Canneto sull’Oglio, sede di un importante museo civico e di una antica torre fortificata. Proseguendo lungo il percorso che fiancheggia il fiume, s’incontrano numerose aree di particolare pregio naturalistico, e popolate da esemplari di flora e fauna tipici del luogo, tra cui spiccano le “Valli di Mosio” e l’oasi WWF le “Bine” ad Acquanegra sul Chiese e Calvatone, le “Torbiere di Marcaria” presso il Comune di Marcaria e le “Torbiere di Belforte” presso San Martino dall’Argine. Il pregevole contesto naturalistico accompagna il visitatore attraverso i piccoli centri in prossimità del fiume, alla scoperta delle testimonianze storiche e culturali del territorio, fra cui i magnifici portici gonzagheschi di Gazzuolo e San Martino e la porta d’ingresso cinquecentesca di Bozzolo. A questi si affiancano numerose testimonianze religiose, quali l’Abbazia Benedettina di S.Tommaso e il convento di San Pietro a Belforte, e archeologiche, fra cui lo scavo di Bedriacum nei pressi di Calvatone. Il percorso si chiude a Marcaria nelle cui frazioni è possibile visitare importanti corti rurali quali corte Castiglione a Casatico, o attraversare in località Torre d’Oglio uno degli ultimi esempi di ponte di barche esistenti. Da Marcaria, è poi possibile spostarsi infine verso Mantova, passando per Castellucchio, ponte di comunicazione verso il Parco del Mincio, sovrastata da una torre oggi sede di un museo di armi antiche.

 

Itinerario: Vedi percorso su Ogliopo Maps