OP - Viaggiare nell’Oglio Po
it
en
   |    Gruppo di azione Locale Oglio Po terre d'acqua
cerca

Villa Mina della Scala

Il Castello Schizzi o Palazzo Mina della Scala risalente, come testimonia una lapide murata, al 1596 fu commissionato da Ludovico Schizzi. L'edificio risulta una commistione fra elemento abitativo ed elemento sicurezza: non tutta rocca, non tutta casa gentilizia. Presenta due torri fiancheggiatrici, e garrite sopraelevate per la difesa. L'armonica decorazione settecentesca dei soffitti, delle ampie sale e dei vestiboli include medaglioni e rappresentazioni mitiche di putti e  amorini della medesima epoca: il settecento. Belle le rappresentazioni delle virtù care alla Casa Schizzi: prudenza-giustizia-temperenza-fortezza. Importante la sala di rappresentanza (ora del bigliardo) per gli stemmi gentilizi accoppiati che rappresentano probabilmente le parentele contratte: Odescalchi - Visconti - Bertani - Bernardino della Massa. Il Castello, o Villa, passato in proprietà dei Mina della Scala e suoi eredi è incluso nei beni architettonici tutelati dalla Sopraintendenza, centro di interesse storico-artistico è meta di turisti e centro di manifestazioni culturali.